Tutti Uniti per la Vita

TUTTI UNITI PER LA VITA, per un forte rilancio delle dinamiche solidaristiche, dei valori della gratuità, della promozione sociale e relazionale tra persone, dell’inclusione e della tutela ambientale.
Per una progettazione multidimensionale e integrata della qualità della vita.

L’Associazione Tutti Uniti per la Vita

Tutti Uniti per la Vita è un’associazione composta da soggetti diversi accomunati dalla volontà condivisa di offrire gratuitamente ed in puro spirito di volontariato un servizio al territorio in un momento oggettivo di grande difficoltà e di forte disagio psicologico, sociale e sanitario. Ne sono fondatori e componenti del Consiglio Direttivo: Mauro Minelli (Presidente), Calogero Di Carlo (Vicepresidente), Vito Santarsiero (Vicepresidente), Giorgio Oliva (Tesoriere), Serena Assenzio (Segretario), Nicola Graziano (Componente esecutivo), Gaetano Messuti (Componente esecutivo).

cosa facciamo

DIFFONDIAMO INFORMAZIONE

Facciamo chiarezza rispondendo ai dubbi più diffusi sull’emergenza Coronavirus, con il contributo di medici e studi ufficiali.

PROGETTO SCUOLA EDU 4.0

Sosteniamo concretamente gli alunni e studenti più vulnerabili e più bisognosi, per garantire la loro istruzione a distanza con forniture tecnologiche.

PROTEGGIAMO I SOGGETTI A RISCHIO

Proteggiamo la salute delle categorie più a rischio, con forniture di dispositivi di sicurezza individuale come guanti e mascherine.

Cosa facciamo

L’Associazione Tutti Uniti Per La Vita nasce per offrire un contributo concreto al tentativo di bloccare l’epidemia CoViD19 e si sviluppa per affrontare l’emergenza Coronavirus nelle sue diverse sfaccettature, che coinvolgono noi tutti nella salute e purtroppo compromettono la quotidianità di migliaia di bambini, donne e uomini più fragili e più vulnerabili.

tutti uniti per la vita

cosa stiamo facendo ora

La chiusura delle scuole per il contenimento della Covid-19 ha imposto un cambiamento drastico nella vita di adulti e ragazzi, facendo emergere in maniera più evidente e pesante i bisogni e le difficoltà delle famiglie più fragili.

I bambini in condizioni di disagio economico, gli studenti con bisogni educativi speciali e i ragazzi stranieri sono a forte rischio di dispersione scolastica o insuccesso negli studi. Purtroppo troppo spesso in questo vortice rimangono coinvolte anche le loro famiglie, che rimangono in difficoltà senza il sostegno alla gestione formativa e culturale dei ragazzi.

Partendo da questi presupposti abbiamo dato vita al progetto EDU4.0 che, con azioni concrete, potenzia la strumentazione informatica di alunni che non possono accedere all’istruzione e offre un sostegno psicologico per i ragazzi costretti a vivere in isolamento forzato.

Aggiornamenti dai Social


Ricevi i nostri aggiornamenti